Racconti

 

Ogni racconto è scaricabile in formato pdf e abbinato a una foto con didascalia riportante data e luogo dove è stata scattata.

 

Orfeo Negro, passante pazzo nelle strade del centro di Montevideo, nei dintorni della zona universitaria. Uruguay, febbraio 2016.

 

Una mattina come tante

 

La mia bici all’inizio del viaggio nel racconto. Deserto di Atacama, Cile, settembre 2015.

 

 Una palla di pelo nello stomaco

 

Filari di uva da tavola ad Adelfia, Bari. 2016.

 

La vendemmia del sedici

 

Cantine Polvanera, Gioia del Colle. Bari. Agosto 2018.

 

I liquori di cose astratte

 

Campo profughi di Ioannina, Grecia. Febbraio 2018.

 

Un pesce contro coerente (in memoria di Milad Dost, prima parte)

 

Campo profughi di Moria, Lesvos, Grecia. Marzo 2018.

 

Una bicicletta in Umbria (in memoria di Milad Dost, parte seconda)

 

Travestito, mochillero perplesso e cartonero ubriaco. Buenos Aires, 2017. 

 

In morte di un cartonero

 

Mercato di Cuzco, Perù, 2015.

 

Il cavallo del notturno 4

 

Roma e Erding, Baviera, in una foto. Estate 2012.

 

Due amici entrano in un bar

 

Ioannina, 28 gennaio 2017, omaggio a DFW

 

Quando Maria finì di esporre il suo punto di vista Giovanni si sorprese ad annuire con eccessivo entusiasmo, entrambi furono genuinamente felici di essere d’accordo, ma si ritrovavano ora di fronte all’infelice dilemma di trovare qualcos’altro da dire. Maria inventò un dubbio sul suo metodo d’approccio e quella fu la prima bugia che tenne in vita il loro rapporto, così tirarono avanti per un altro po’. In fondo il motivo del loro incontro era flirtare, non confrontarsi.